A Pipcoman write here

Oct 1 '14
estando:

no war but the skeleton class war

estando:

no war but the skeleton class war

54,374 notes View comments (via emmanuelnegro & estando)

Nov 27 '13

1,487 notes View comments (via 3nding & travelingcolors)

Nov 27 '13

unoetrino:

twilektimelord:

fororchestra:

ishouldbebritish:

adrianshhh:

image

Sometimes I think of how one tiny mutated cell can wipe out our whole civilization, but then I watch a video like this and think “nah, we’re way too awesome of a species to be defeated.”

I feel like my life is complete after watching this.

La follia più assoluta.

(Source: adrians)

215,725 notes View comments (via stizzofrenica & adrians)

Nov 27 '13
Sto lavorando duro per preparare il mio prossimo errore.
[Bertolt Brecht]
— (via malisam)

Benvenuta

1 note View comments (via malisam)

Aug 22 '13
emilianozanichelli:

Al mare a piedi

Velocemente il cammino si impenna verso l’alto e diviene ascesi, e l’escursione si fa itinerario interiore. M. Jevolella, introduzione a Camminare di H.D.Thoreau

Non saprei dire esattamente quando ho cominciato a pensare che camminare potesse essere qualcosa di interessante. Fino a pochi anni fa per me camminavano quelli a cui l’aveva consigliato il dottore e che non potevano correre. Per strade di campagna, determinati, in tuta. Avevo amici, pochi per la verità, sportivi e appassionati di montagna che facevano trekking. Il loro camminare lo vedevo come la possibilità di arrivare dove altrimenti non sarebbe stato possibile, ma se ci fosse stato il modo di arrivare in un posto in auto, funivia o qualunque altro mezzo di trasporto mai mi sarei sognato di attribuire un valore in più al raggiungerlo a piedi. Poi qualcuno di insospettabile, non sportivo e non montanaro, si è fatto un giro di rifugi dell’Appennino Reggiano, la Mangialonga, abbuffandosi di cinghiale e rosso toscano ad ogni tappa, ed è tornato entusiasta, non solo della parte enogastronomica. Fabrizio, che abita a Fanano (MO), è uscito di casa a piedi ed è arrivato al mare in Versilia. Alcuni amici si sono fatti, tutto o in parte, il cammino di Santiago di Compostela; per Alberto e Virginia è stato addirittura il viaggio di nozze. Antonio, con qualche breve tappa in treno, a piedi è arrivato in Albania ed Elisa si è fatta a piedi la costa ligure realizzando un documentario, e poi anche il tsamin francoprovensal.
Nel frattempo qui attorno sono spuntati Decathlon come funghi. E allora anche io ho cominciato ad andare in ufficio con le pedule, e all’aperitivo al Cafè Teatro con i pantaloni scernierabili e la camicia a quadretti in tessuto sintetico super-traspirante che non si stira e si asciuga all’istante. La cosa finora mi è andata benissimo così: mi sono accontentato volentieri anche solo di fare finta di. Ho letto tanto e praticato pochissimo. Libri di psicoatleti che non riesco a finire nonostante ogni tanti ci riprovi, tanto Rumiz che a piedi, in bici o su una Topolino, è sempre un gran piacere. Ho piazzato qualche citazione di Thoreau su facebook e questo mi è bastato per sentirmi idealmente parte di questa cerchia di camminatori.
Finché è arrivato Alessandro, che non passa le domeniche al Decathlon ma che di solito fa sul serio, che mi dice che gli piacerebbe andare al mare a piedi partendo da casa sua. E lui abita a La Vecchia, poco fuori Reggio Emilia, lungo la statale 63, quella che porta al Passo del Cerreto e poi in Liguria verso La Spezia. Potrebbe prendersi 5 o 6 giorni a fine giugno.
Io non riesco ad immaginarmi quanto tempo ci possa volere per andare da La Vecchia a La Spezia. Glielo chiedo. Non ne ha idea neanche lui. Perfetto, andiamo!

Poi lo avete fatto ? Io è un annetto che ci penso, ma solo la settimana scorsa ho preso la decisione di fare un tentativo :-) Stavo cercando in rete gente che già lo avesse fatto…

emilianozanichelli:

Al mare a piedi

Velocemente il cammino si impenna verso l’alto e diviene ascesi, e l’escursione si fa itinerario interiore.
M. Jevolella, introduzione a Camminare di H.D.Thoreau

Non saprei dire esattamente quando ho cominciato a pensare che camminare potesse essere qualcosa di interessante. Fino a pochi anni fa per me camminavano quelli a cui l’aveva consigliato il dottore e che non potevano correre. Per strade di campagna, determinati, in tuta. Avevo amici, pochi per la verità, sportivi e appassionati di montagna che facevano trekking. Il loro camminare lo vedevo come la possibilità di arrivare dove altrimenti non sarebbe stato possibile, ma se ci fosse stato il modo di arrivare in un posto in auto, funivia o qualunque altro mezzo di trasporto mai mi sarei sognato di attribuire un valore in più al raggiungerlo a piedi.
Poi qualcuno di insospettabile, non sportivo e non montanaro, si è fatto un giro di rifugi dell’Appennino Reggiano, la Mangialonga, abbuffandosi di cinghiale e rosso toscano ad ogni tappa, ed è tornato entusiasta, non solo della parte enogastronomica. Fabrizio, che abita a Fanano (MO), è uscito di casa a piedi ed è arrivato al mare in Versilia. Alcuni amici si sono fatti, tutto o in parte, il cammino di Santiago di Compostela; per Alberto e Virginia è stato addirittura il viaggio di nozze. Antonio, con qualche breve tappa in treno, a piedi è arrivato in Albania ed Elisa si è fatta a piedi la costa ligure realizzando un documentario, e poi anche il tsamin francoprovensal.

Nel frattempo qui attorno sono spuntati Decathlon come funghi. E allora anche io ho cominciato ad andare in ufficio con le pedule, e all’aperitivo al Cafè Teatro con i pantaloni scernierabili e la camicia a quadretti in tessuto sintetico super-traspirante che non si stira e si asciuga all’istante. La cosa finora mi è andata benissimo così: mi sono accontentato volentieri anche solo di fare finta di. Ho letto tanto e praticato pochissimo. Libri di psicoatleti che non riesco a finire nonostante ogni tanti ci riprovi, tanto Rumiz che a piedi, in bici o su una Topolino, è sempre un gran piacere. Ho piazzato qualche citazione di Thoreau su facebook e questo mi è bastato per sentirmi idealmente parte di questa cerchia di camminatori.

Finché è arrivato Alessandro, che non passa le domeniche al Decathlon ma che di solito fa sul serio, che mi dice che gli piacerebbe andare al mare a piedi partendo da casa sua. E lui abita a La Vecchia, poco fuori Reggio Emilia, lungo la statale 63, quella che porta al Passo del Cerreto e poi in Liguria verso La Spezia. Potrebbe prendersi 5 o 6 giorni a fine giugno.

Io non riesco ad immaginarmi quanto tempo ci possa volere per andare da La Vecchia a La Spezia. Glielo chiedo.
Non ne ha idea neanche lui.
Perfetto, andiamo!

Poi lo avete fatto ? Io è un annetto che ci penso, ma solo la settimana scorsa ho preso la decisione di fare un tentativo :-) Stavo cercando in rete gente che già lo avesse fatto…

1 note View comments (via emilianozanichelli)

Jun 21 '13
gnarrrgh:

L’asteroide letterario (o è un meteoroide?) inizia a far paura :D

gnarrrgh:

L’asteroide letterario (o è un meteoroide?) inizia a far paura :D

12 notes View comments (via nipresa & gnarrrgh)

Mar 25 '13
ms-sardonicus:

♥

68 notes View comments (via nipresa & cow-onna-cloud)

Jan 9 '13

Un orizzonte una voce

(a Noemi)

Noi spettri di spettri passati
ci aggiriamo divisi
derisi
inconsapevoli e deboli
guardandoci appena

vaghiamo sul campo di una battaglia
che non vediamo
tra linee nemiche addobbate e imbellettate
mascherate acquattate
e
anche se non la combattiamo
lei ci combatte.
Il meccanismo funziona,
nonostante tutta la libertà che ci hanno fatto avere
e soggioga ancora.
La catena produce, accumula e riproduce
ci riproduce lavoratori creatori produttori come carta carbone
come carta ci ricicla, ci tritura, ci poltiglia, ci assottiglia.
Questo sistema ci spezza
e
ci tiene legati, assoggettati, accomunati
e
per questo possiamo di nuovo stringerci
reagire
accomunare le forze
accumulare potenze
potenze a volontà di potere, potenza di riuscire
a creare un orizzonte nostro.
Orizzonte comune. Mostro.
Mostruoso orizzonte
comunista,
terrifica immagine di liberazione
dalle catene, dal meccanismo, dalla costrizione,
dalla costruzione folle che ci separa da noi.
Orizzonte reale che orienta
Movimento reale che abolisce lo stato di cose presente.

Oltre il mostro orizzontale c’è un futuro.
Non sarà uno sguardo a vederlo
e nessun suono proviene da là
dove la nostra vita non è arrivata.
Sarà una voce a svelarlo disseppellendo l’ascia delle storie.
Sarà una voce a mostrarci l’oltre che ci attende.

Quella voce non ci porterà racconti di lotte
ma canterà d’amore
noi sentiremo l’amore dopo le lotte.
Non porterà racconti di battaglie
ma canterà di gioia
noi sentiremo la gioia dopo la vittoria.
Canterà di pianti, sì, ma
pianti che ci alzano, che ci smuovono dalle sabbie della disperazione.
Canzoni di invidia e brama e vita
e noi sentiremo l’invidia per un tempo che può essere
per un mondo umano
troppo umano per essere tenuto lontano
ora
quella voce arriverà
anche se il vento si sarà fermato
lei soffierà
anche se il vento ci sarà contrario
lo sovrasterà
gonfierà le vele della nostra nave.

Quale voce può cantare tutto questo ?
Quale voce può svegliare tutto questo ?

Potrebbe essere nata tra le montagne
ferite
talmente potente da superarle
così vibrante da propagarsi costante nel tempo come l’eco di una festa tra le valli.
Come uno sparo ?
No! è mistica come il
tuono e mille
mille mille volte ancora la sentiremo e mille riverberi mille rimbalzi rimesteranno nei cuori.

Compagno microfono!
Reggi l’urto di quel canto,
tienti saldo e porta moltiplicata l’onda di quella voce
che è un oceano
che è un galoppo
e squassa
incendia
innesca l’azione.
Che il canto sovrasti la sirena della fabbrica!
Che il canto sovrasti le grida della Borsa!
Che il canto sovrasti il mantra della mercificazione.
Che il canto liberi i nostri desideri
che il canto
disincanti
disincanti
disincanti.

(source)

View comments

Jan 9 '13

View comments

Jan 6 '13

Song for Nice

madaboutnice:

intenzione ed esecuzione
a tempo col suono proveniente dal mixer.
vibrazione dell’aria catturata da un congegno umano
trasformata in energia pura
trasportata onda o particella su grandi distanze
come una magia, un sortilegio, a spell
fino a me
al mio orecchio al mio lobo temporale
modulata di nuovo in vibrazione emozione
del corpo
brivido tellurico profondo
carezza che tocca nervi nascosti corde tasti
ora esposti
sono suonato cantato soffiato premuto
non chiedo aiuto.
Elettrificato, vorrei completare il circuito che si è creato
non voglio ossesioni o compulsioni
vorrei condividere col mondo queste sensazioni
col mondo e con te
restituirti questa energia
accumulata
stratificata.
Vorrei
ripetere la magia sulla stessa frequenza sensoriale,
legame musicale reale, che hai creato.

Saperti felice.

Non voglio nutrirmi delle tue emozioni
riempirmi e svuotarti
non ho bisogno di nuove canzoni nuove esibizioni per esserti grato
non voglio essere un peso sul diaframma
una farfalla che si agita insistente.

Noemi!
Queste parole che scorrono nella tua mente
che prendono vita e colore con la tua voce
ora
seguono il tempo che batto sulla tastiera.
Queste parole, che ci uniscono in un tempo neutro
presente passato futuro,
siano la mia canzone stonata e inadeguata
incondizionata e sincera
per te.

1 note View comments (via madaboutnice)

Jan 5 '13
wollawolla:

quartodisecolo:

Forse è il caso di iniziare ad aprire un tumblr dedicato ai verticals/meme/ragetoons che girano su Facebook che generalmente hanno almeno una di queste caratteristiche:
non fanno ridere;
sono sgranati;
punteggiatura e grammatica opzionali;
spregio di qualsiasi parvenza di senso estetico;
travisano totalmente il senso del vertical/meme/ragetoon originale (e quindi non fanno ridere, again).
È probabile che sotto il nostro naso stiano nascendo sottoculture aberranti, tradotte e nazional-popolari, derivate da quelle originali che ben conosciamo. È ora di denunciare il fatto.

Osservatorio Nazionale now.

wollawolla:

quartodisecolo:

Forse è il caso di iniziare ad aprire un tumblr dedicato ai verticals/meme/ragetoons che girano su Facebook che generalmente hanno almeno una di queste caratteristiche:

  • non fanno ridere;
  • sono sgranati;
  • punteggiatura e grammatica opzionali;
  • spregio di qualsiasi parvenza di senso estetico;
  • travisano totalmente il senso del vertical/meme/ragetoon originale (e quindi non fanno ridere, again).

È probabile che sotto il nostro naso stiano nascendo sottoculture aberranti, tradotte e nazional-popolari, derivate da quelle originali che ben conosciamo. È ora di denunciare il fatto.

Osservatorio Nazionale now.

33 notes View comments (via wollawolla & quartodisecolo)

Jan 4 '13
Talking Heads’ “Psycho Killer”: A funky little number, that’s for sure. I like the bass a lot. Good mixture and a real good flow. The singer sounds like he has a bad case of stage fright.

222 notes View comments (via zuppadivetro & postpunk)

Jan 1 '13

chicklikemeblog:

quinlanskyler:

paintwithwords:

The first thing Snape asks Harry is “Potter! What would I get if I added powdered root of asphodel to an infusion of wormwood?” According to Victorian Flower Language, asphodel is a type of lily meaning ‘My regrets follow you to the grave’ and wormwood means ‘absence’ and also typically symbolized bitter sorrow. If you combined that, it meant ‘I bitterly regret Lily’s death’.

WHAT.

Mother fucking J.K. Rowling. I just looked up the meanings to see if they were accurate and not just made up and they are legit.

Mind = blown.

172,097 notes View comments (via batchiara & tomhiddles)

Dec 31 '12

(Source: lalalaetc)

41,075 notes View comments (via emmanuelnegro & lalalaetc)

Dec 26 '12
midnightblades:

v-is:

applej4ck:

hwankss:

africandaisy:

I FINALLY HAVE THIS ON MY BLOG
I REGRET NOTHING
I feel accomplished
I feel like I have a proper blog now.
my blog is complete
YES. blog complete.
asdfghjkl
TUMBLR RULE # 183
You must reblog this when you see it on your dash.
I FEEL SO ACCOMPLISHED RIGHT NOW.
Finally.
OMG FUCKING FINALLY.
My tumblr feels complete. :)
Unofficial rule of Tumblr: This must make it onto your blog.
^ everything he said was true. Must reblog this.
holy shit…my life right here.
just for the shits and gigs
Hahahahahahaahahahahahahaha
LOL
now i feel like in my customize page!!!1!!! omg yeah!!!!1!1!
Im feeling more apart of tumblr thanks to this.
Hahaha these comments are so unnecessary!!!
i don’t follow the rules coz i’m bad ass but i will still reblog this.
AAAAHAHAHAHA, I HAVE BEEN LOOKING EVERYWHERE FOR DIS.
WOOOT
ITS FINALLY ON MY BLOG, AFTER SEEING IT EVERYTIME I CHANGE AROUND MY THEME OR EDIT SHIT
the things it says on here omfg why 
FUCKING GOT IT
MY BLOG FINALLY HAS THIS YESSSSSS
It must be shit to be on the most famous Tumblr picture,but have your face BLURRED OUT… 
This is pretty needed..
i’ve reblogged this 34900754 times FUCKYEA
I don’t understand, what’s this?
finally :’)
forever reblog
if you don’t understand this. get off tumblr plz. omFG. c:
FINALLY. Thank you God.
This is exactly why I love tumblr
LADFN.,MADF

        I was waiting for this almost a year! 
I’ve seen this about 50 times… never seen so many people excited over a blurry picture… please someone fill me in on why this is such a big deal? lol smh… maybe I just don’t get it.

^its been on tumblr since the beginning. and we see every time we customize our pages.  so its kinda a symbol of us being on tumblr :) if you don’t get it, why are you on tumblr?

I’M FUCKING LAUGHING AT ALL OF THE COMMENTS, REBLOGING FOR THE COMMENTS AND WELL…. YOU CAN NOT  NOT HAVE THIS ON YOUR BLOG!

How can you not know what this is? Are there bloggers out there that don’t edit their page??

midnightblades:

v-is:

applej4ck:

hwankss:

africandaisy:

I FINALLY HAVE THIS ON MY BLOG

I REGRET NOTHING

I feel accomplished

I feel like I have a proper blog now.

my blog is complete

YES. blog complete.

asdfghjkl

TUMBLR RULE # 183

You must reblog this when you see it on your dash.

I FEEL SO ACCOMPLISHED RIGHT NOW.

Finally.

OMG FUCKING FINALLY.

My tumblr feels complete. :)

Unofficial rule of Tumblr: This must make it onto your blog.

^ everything he said was true. Must reblog this.

holy shit…my life right here.

just for the shits and gigs

Hahahahahahaahahahahahahaha

LOL

now i feel like in my customize page!!!1!!! omg yeah!!!!1!1!

Im feeling more apart of tumblr thanks to this.

Hahaha these comments are so unnecessary!!!

i don’t follow the rules coz i’m bad ass but i will still reblog this.

AAAAHAHAHAHA, I HAVE BEEN LOOKING EVERYWHERE FOR DIS.

WOOOT

ITS FINALLY ON MY BLOG, AFTER SEEING IT EVERYTIME I CHANGE AROUND MY THEME OR EDIT SHIT

the things it says on here omfg why 

FUCKING GOT IT

MY BLOG FINALLY HAS THIS YESSSSSS

It must be shit to be on the most famous Tumblr picture,
but have your face BLURRED OUT… 

This is pretty needed..

i’ve reblogged this 34900754 times FUCKYEA

I don’t understand, what’s this?

finally :’)

forever reblog

if you don’t understand this. get off tumblr plz. omFG. c:

FINALLY. Thank you God.

This is exactly why I love tumblr

LADFN.,MADF

        I was waiting for this almost a year! 

I’ve seen this about 50 times… never seen so many people excited over a blurry picture… please someone fill me in on why this is such a big deal? lol smh… maybe I just don’t get it.

^its been on tumblr since the beginning. and we see every time we customize our pages.  so its kinda a symbol of us being on tumblr :) if you don’t get it, why are you on tumblr?

I’M FUCKING LAUGHING AT ALL OF THE COMMENTS, REBLOGING FOR THE COMMENTS AND WELL…. YOU CAN NOT  NOT HAVE THIS ON YOUR BLOG!

How can you not know what this is? Are there bloggers out there that don’t edit their page??

(Source: awktism)

836,844 notes View comments (via lalumacavevatrecorna & awktism)